Sarkozy ordinò di assassinare Chavez

Il ministro dei Servizi Penitenziari del Venezuela, Iris Varela, ha annunciato sulla sua pagina di Twitter l’espulsione di un cittadino francese identificato come Frederic Laurent Bouquet, il 29 dicembre del 2012.
Il signor Bouquet è stato arrestato a Caracas il 18 giugno 2008 insieme a tre cittadini dominicani e in possesso di un vero e proprio arsenale. Nell’appartamento comprato da Bouquet, la polizia scientifica venezuelana ha trovato 500 grammi di esposivo plastico C4 (tipo di esplosivo usato dai militari), 14 fucili da assalto – di cui 5 dotati di mirino di precisione, 5 con sistema di mira laser e 1 con silenziatore- così come cavi speciali, 11 detonatori elettronici, 19.721 cartucce di diversi calibri, 3 mitragliatori, 4 pistole di vari calibri, 11 attrezzature per la comunicazione via radio, 3 walkie-talkie e una base radio, 5 fucili da caccia calibro 12, 2 giubbotti antiproiettili, 7 uniformi militari, 8 granate, 1 maschera antigas, 1 coltello da combattimento e 9 recipienti di polvere per cannoni.
Al momento di essere giudicato, Bouquet ha ammesso di aver ricevuto l’addestremento in Israele e di essere un agente dei servizi segreti francesi (DGSE). Inoltre ha confessato che stava preparando un attentato per assassinare il presidente del Venezuela, Hugo Chávez.
Al termine del processo, Bouquet è stato condannato a 4 anni di reclusione con l’accusa di “occultamento di armi da guerra”. Terminata la sua pena è stato estradato, in ottemperanza all’ordine n° 096-12 del giudice Yulismar Jaime, ed espulso dal Venezuela per “minaccia alla sicurezza nazionale”, in virtù dell’articolo 39 paragrafo 4 della legge venezuelana riguardante gli stranieri e gli immigrati.
Le autorità venezuelane si sono astenute fino ad ora dal rendere noto questo fatto. L’accaduto è stato confermato dal portavoce del ministero francese degli Esteri, Philippe Lalliot. L’ambasciata francese a Caracas non ha rilasciato commenti.
La nostra indagine ci pemette di giungere alle seguenti conclusioni:
1) Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha ordinato di assassinare il suo omologo venezuelano Hugo Chávez.
2) L’operazione non ha avuto successo.
3) La Francia ha dovuto concedere ingenti risarcimenti per evitare che il caso venisse alla luce durante il mandato presidenziale di Nicolas Sarkozy.
Fonte: “Reseau Voltaire”, 1 gennaio 2013 (traduzione di Europeanphoenix.it ©)