Mobilitazione contro l’infame e repressiva legge sull’omofobia

Il prossimo 26 luglio comincerà alla Camera dei Deputati la discussione sul DDL già approvato in Commissione Giustizia, che vuole “integrare” la legge Mancino includendo tra i reati d’odio anche le idee, le azioni e gli atteggiamenti ostili e contrari a lesbiche, omosessuali, bisessuali e transessuali (LGBT).
Si tratta della legge contro la cosiddetta omofobia, spacciata come conquista e affermazione di nuovi diritti civili. In realtà siamo di fronte all’ennesima tappa sulla via della dissoluzione.
La legge contro l’omofobia è il mezzo attraverso il quale gli assertori dell’ideologia omosessualista e LGBT, vogliono reprimere la sacrosanta reazione di quanti non accettano supinamente l’imposizione di modelli contrari alla morale, e capaci di minare la sana esistenza di un popolo.

Forza Nuova – fedele alla propria vocazione, che la vuole compagine nata allo scopo di promuovere la ricostruzione nazionale – si mobilita contro la legge sull’omofobia, autentico attentato alla vera libertà d’espressione e, soprattutto, ai diritti della Verità.
Affermare che l’atto omosessuale è immorale e contro-natura, che la famiglia è solo quella fondata sul matrimonio – ossia sull’unione fra un uomo, una donna ed i loro figli – non deve essere un reato!

Forza Nuova pertanto aderisce alla campagna di opposizione a questo disegno di legge, lanciata e coordinata da Giuristi per la Vita e La Nuova Bussola Quotidiana e si attiva fin da subito con i propri militanti in tutto il paese per contribuire alla raccolta firme per bloccarne l’approvazione.

Forza Nuova sta già pianificando una serie di azioni militanti per il 26 luglio (inizio della discussione) e che si protrarranno per tutto il dibattimento nei due rami del parlamento di questa nefasta legge … perché non dovrà passare sotto silenzio e con la disattenzione complice dei media … questo ennesimo tentativo di distruzione del tessuto sociale della Nazione.