Aleppo: da città cristiana a lager

Aleppo: da città cristiana a lager

terrorismo5

Riportiamo una drammatica testimonianza dei Maristi di Aleppo, la città che prima della guerra era la terza maggiore città cristiana del mondo arabo. 

E la cosiddetta comunità internazionale, responsabile del dramma del popolo siriano e dell’esodo dei cristiani, finge di non vedere e di non sapere.

Aleppo, l’addio che spezza il cuore

“Questi selvaggi, chiamati dagli Occidentali ‘ribelli o combattenti per la libertà’ quando essi commettevano i loro crimini in Siria, sono improvvisamente “diventati” barbari e terroristi, quando alcuni dei loro effettivi si sono trasferiti in Iraq?”

Rimanere o partire, questo è il dilemma a cui sono di fronte oggi, più che mai, i siriani, in particolare gli Aleppini. Cosa fare? Resistere ancora? Rimanere nonostante tutto quello che sta succedendo? Nonostante tutto ciò che soffriamo da oltre tre anni? Qual è la soluzione? Qual sarà il futuro? Ma anzitutto, ce ne sarà uno? Lasciare definitivamente il Paese? Andare a cercare altrove un futuro e, soprattutto, quello dei propri figli? Ma dove? E come? Fare una croce sul proprio passato? Lasciare tutto quello che si ha e ricominciare da capo? La litania di queste domande alle quali nessuna risposta è possibile è lunga e ci tormenta tutto il giorno. Le persone che temporeggiavano, che avevano lasciato le domande e le risposte in sospeso in attesa di vederci più chiaramente, o perché speravano in una prossima soluzione della crisi o semplicemente perché non avevano il coraggio di partire, lasciano ora un numero crescente la Siria, specialmente i cristiani, per prendere la via dell’esilio definitivo verso un paese che non hanno scelto. “Non importa dove vado, la cosa importante è che io lì ci arrivi e possa vivere in pace.”

La pazienza del popolo si sta esaurendo: dopo 3 anni di conflitto siriano (con i suoi 192.000 morti, i suoi milioni di sfollati e rifugiati), non vede nessuna soluzione all’orizzonte. Inoltre, la sequenza degli eventi ha fatto perdere anche ai più ottimisti le illusioni. Prima il blocco durato diverse settimane della città, seguito dal taglio totale di acqua per più di due mesi, il tutto costellato da piogge di colpi e mortai che continuano a fare il loro raccolto quotidiano di morti e feriti. …

Ma la cosa peggiore è la paura che ti prende alle viscere, ispirata da questa banda di selvaggi che ha preso possesso di tutta la Siria orientale e del nord dell’Iraq … Questo è una banda composta principalmente di stranieri, con cui i nostri compatrioti musulmani non si identificano affatto, che macellano, decapitano (e non solo giornalisti americani), crocifiggono fino alla morte che ne deriva, lapidano le donne presunte adultere, frustano per punire (i fumatori, per esempio), seppelliscono persone vive, vendono le donne come schiave … L’elenco delle loro barbarie e crudeltà è troppo lungo per essere integralmente riprodotto in questa lettera.

Ma è soprattutto la sorte dei cristiani di Mosul e Qaraqosh, così come di altre “minoranze” religiose (iracheni, tuttavia, allo stesso titolo dei musulmani, come gli Yezidi per esempio) che è stato l’evento-catastrofe. E ‘questo che ha portato alla decisione dei siriani di lasciare il paese. Di fronte alla scelta di convertirsi o morire, oppure fuggire, centinaia di migliaia di persone hanno preso la strada dell’esodo, lasciando la terra dei loro antenati, le loro radici, la loro storia, e sono partiti senza essere in grado di prendere nulla con sè, nemmeno la loro fede nuziale o un po ‘di soldi, espulsi come furono sterminati nel 1915 gli Armeni dalle mani ottomane durante il primo genocidio del 20 ° secolo.

Così Aleppo si è anch’essa spopolata dei suoi cristiani. Ne resterebbero poco più della metà (secondo stime ottimistiche) o perfino un terzo. Nei precedenti tre anni, sono stati il ricco e l’élite (medici, imprenditori, accademici …) che hanno lasciato la città in attesa di giorni migliori, prima che il provvisorio diventasse definitivo. Ma di recente, si tratta di tutti, tutti vogliono lasciare: classe media, giovani, anziani, poveri, persone indigenti … tutti spingono il cancello.

E noi che possiamo dire, che cosa abbiamo da dire a tutti questi aspiranti immigrati? Dovremmo incoraggiarli o dissuaderli?

Cosa possiamo dire a queste tre giovani coppie in partenza per il Libano che devono iscriversi all’Ufficio delle Nazioni Unite per i rifugiati per ottenere un visto d’immigrazione, che sono venuti da noi una settimana fa per dirci addio? Tre anni senza lavoro, è difficile per giovani famiglie a cui tutto sorrideva quando si erano imbarcati nella via professionale e coniugale da pochi anni…

Che possiamo rispondere ai più poveri delle famiglie che aiutiamo materialmente e che non ne possono più di vivere nel povero quartiere di Midane, quotidiani bersaglio dei colpi dei ribelli? A coloro che hanno veduto i loro vicini uccisi o feriti e che temono per sé e per i propri figli? “Vogliamo andarcene, aiutateci a completare le formalità, abbiamo cugini e fratelli in America Latina, ci aiuteranno a ottenere un visto.”

Cosa consigliare, che dire a quelle persone che sono stanche di aspettare che “gli eventi” finiscano, che non ce la fanno più a sopportare la mancanza di acqua, di elettricità, di cibo, medicine, di denaro; o i colpi di mortaio e le sofferenze; che non vogliono che i loro figli crescano senza sapere null’altro che la guerra e aspirano infine, a un futuro di sicurezza, stabile, in pace. …

Che rispondere a questo medico disgustato dalla codardia dell’Occidente? “I leader occidentali hanno qualificato la decapitazione del giornalista americano come atto barbarico. Bisogna ricordare loro che questi selvaggi che commettono atti di barbarie a casa nostra sono proprio quelli che sono stati incoraggiati, finanziati e protetti da loro stessi e dai loro alleati, con il pretesto di portare al popolo siriano la democrazia e la libertà! Tutto parte di un piano dal romantico nome di “Primavera Araba”, che è successore di precedenti formulazioni tipo “caos costruttivo” e “Nuovo Medio Oriente”.

Questi selvaggi, chiamati dagli Occidentali ‘ribelli o combattenti per la libertà’ quando essi commettevano i loro crimini in Siria, sono improvvisamente “diventati” barbari e terroristi, quando alcuni dei loro effettivi si sono trasferiti in Iraq?

Cosa dire alle decine, centinaia di persone incontrate presso noi Maristi, nella strada o nel mio ufficio, che mi esprimono la loro angoscia e panico davanti al diluvio Daech (ISIS): “E se invadessero Aleppo? E se dovessimo subire la stessa sorte, come i cristiani di Mosul, dover scegliere tra la conversione o la morte, per fuggire in colonne di profughi senza poter raccogliere niente? Tanto vale partire immediatamente prima che “loro” stiano arrivando! Noi non vogliamo morire assassinati, decapitati, sepolti vivi, crocifissi da questi selvaggi. E pensare che “loro” sono a pochi chilometri ad est di Aleppo e adesso sono riusciti a prendere il controllo di tutta la regione a nord della città!

E le persone se ne vanno. Il nostro autista, la sua famiglia, i suoi fratelli e le loro famiglie che sono appena arrivati in Germania. Diversi lavoratori dell’ospedale, che hanno ottenuto il visto e sono partiti per l’Europa. La nostra governante, che si sta preparando per andare in Venezuela. Un’altra famiglia, che è partita per l’Australia, gli altri (armeni, soprattutto) per gli Stati Uniti e il Nord Europa.

Nel frattempo, il Vaticano e le istituzioni caritative della Chiesa chiedono ai cristiani siriani di non abbandonare la loro terra, la culla del cristianesimo. Mentre i loro rappresentanti locali distribuiscono aiuti ricevuti con parsimonia per “responsabilizzare” le persone, non farne degli “assistiti” !!! Tra pochi mesi ci saranno un sacco di soldi, ma nessuno a cui darli. Un amico ben informato mi ha detto: “Se tra pochi mesi l’ISIS invadesse Aleppo, sarebbe una colonna di poche migliaia di rifugiati cristiani che si vedrebbero a quel momento sulle strade dell’esilio. ”

Noi maristi Blu non abbiamo certezze da offrire, né risposte a dubbi e domande. Non ci viene neanche di disapprovare le decisioni prese. Stiamo solo cercando, attraverso la nostra attiva presenza, di essere un faro di speranza per coloro a cui non resta speranza… una forza per coloro che dubitano… un conforto per coloro che sono tormentati. Cerchiamo di alleviare il dolore e la sofferenza, fisica e morale, e almeno di offrire a coloro che rimangono delle condizioni di vita accettabili perché la loro miseria non sia la ragione principale della partenza. (…)

Noi perseveriamo in condizioni di vita molto difficili: alla carenza di acqua (la fornitura di ogni quartiere di Aleppo è per 10 ore ogni 10 giorni) si è aggiunto quella dell’elettricità (un’ora e mezzo per 2 volte ogni 24 ore) e la minaccia dei colpi di mortaio.

Che cosa ci riserva il futuro? Andarsene, o si deve restare? Tante domande a cui non si può rispondere per ora, fino a quando… , fino a che cosa?

Un sacerdote domenicano dall’Iraq ha scritto recentemente: “L’Iraq oggi è completamente distrutto. Inoltre, il tessuto sociale dell’Iraq è chiaramente strappato. Le statistiche indicano anche che il paese è molto pericoloso, è diventato invivibile e inabitabile. I poveri di questo paese si chiedono: verso quale futuro l’Iraq è spinto? Verso un paese moderno, stabile, democratico? Una risposta semplice di qualsiasi abitante dell’Iraq sarà: l’Iraq è spinto verso l’ignoto. Ma in questo disordine imposto dal potere del male, la questione centrale è: qual è il futuro dei cristiani in Iraq? Bisogna cacciarli e sterminarli? Il nostro pellegrinaggio, la nostra croce e il nostro fardello sono apparentemente diventati pesanti e lunghi. L’evento drammatico che i cristiani iracheni soffrono in questo momento, è scandaloso. Non restano che campi di concentramento in questo progetto di sradicamento diabolico. Mentre le delegazioni politiche ed ecclesiastiche si succedono, gli esuli trascorrono le loro notti in tenda e nei luoghi pubblici. Nonostante l’allarme rosso, il tempo passa e gli esuli, loro, restano senza rifugio. “Ecco, sostituite la parola Iraq con Siria, e iracheni con siriani, e capirete tutto.

Questa lettera è datata 1 ° settembre, festa di uno dei santi più venerati della Siria, S. Simeone Stilita, che, nel 5 ° secolo, ha vissuto 42 anni arroccato su una colonna di 18 metri. Ha scelto questa via, secondo la tradizione, per essere più vicino a Dio. Che il nostro sacrificio e la nostra sofferenza possano non durare così a lungo.

Aleppo, 1 settembre 2014

Nabil Antaki, per i Maristi Blu

(Articolo pubblicato da http://oraprosiria.blogspot.it/2014/09/aleppo-l-addio-che-spezza-il-cuore.html

e ripreso dal Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza)