Associazione Evita Perón: femminilità militante

Associazione Evita Perón: femminilità militante

L’epopea della Fondazione Eva Perón in Argentina non può certo essere trattata in breve, ma basta sottolineare che la sua azione sociale di assistenza alle donne, ai bambini e a tutti i poveri è stata unica nel suo genere, realizzando un grandioso esempio di carità cristiana, di radicamento politico-sociale, di risveglio popolare su scala totalitaria sostenuto dalla militanza femminile organizzata. Questo esempio, oltre a restare impresso nel cuore del popolo argentino per generazioni, ha oltrepassato l’oceano, approdando anche in Italia. Richiamandosi a questo esempio, donne e ragazze impegnate nella militanza forzanovista hanno dato vita all’Associazione Evita Perón, un’organizzazione che peraltro accetta anche volontarie esterne a FN e collabora con altre associazioni di Area.

Le origini dell’Associazione risalgono a circa 11 anni fa, con la nascita di un nucleo a Palermo (su suggerimento del camerata Giovanni Zampardi) e di un altro a Faenza, ma, più di recente sono sorti nuclei operativi in parecchie regioni, determinando una svolta numerica e organizzativa e facendo decollare l’associazione a livello nazionale. Ad oggi, l’organizzazione conta decine di nuclei (operativi o in costituzione) e su tre responsabili di Macroaree: Desideria Raggi al Nord, Vera Provenzale al Centro e Roberta Ambrosi al Sud.

L’Associazione Evita Perón si occupa, nello specifico, della tutela dei bambini e delle donne, ovviamente italiane.  Non è difficile comprendere, quindi, cosa deve e può fare l’Associazione, considerato anche che non è mai stato nascosto il collegamento col movimento forzanovista e che, talvolta, se necessario, si è operato in sinergia con altre organizzazioni (come Solidarietà Nazionale e Dipartimento Disabilità).
I temi specifici che affronta l’Associazione, ovviamente, sono specificamente mirati al mondo femminile e dei minori: gender, violenza contro le donne, attacco alla famiglia. 

Ad oggi e nello specifico, le attività che vengono portate avanti dall’Associazione sono molteplici: 

– Raccolta firme “reddito alle mamme”. In questo contesto sono stati organizzati parecchi banchetti militanti e questa attività verrà svolta in futuro in modo ancor più deciso e metodico. Sottolineiamo che non si tratta di una raccolta firme puramente propagandistica, ma di una campagna finalizzata a una futura proposta di legge.
–  Corsi femminili di autodifesa. Non occorre sottolineare l’importanza di queste iniziative nella società attuale e nel contesto della prevenzione dello stupro e della violenza contro la donna. Iniziative che assumono una importanza ancor maggiore in aree ad alto tasso di invasione e di degrado sociale.
– Doposcuola gratuiti per i bambini delle famiglie italiane in difficoltà.  Anche le spese per l’istruzione scolastica costituiscono una spesa difficilmente sostenibile per le famiglie delle classi popolari.
– Assistenza alle famiglie italiane disagiate nei casi specifici di allontanamento o probabile allontanamento dei minori. In questa azione, l’Evita Peron lavora spesso in stretta collaborazione con Solidarietà Nazionale, in quanto spesso alcune delle situazioni che vengono seguite anche legalmente riguardano famiglie già inserite nel programma di Solidarietà Nazionale. 
– Tutela dei minori allontanati dalla propria famiglia per sospetta violenza e sostegno psicologico e legale alle donne vittime di violenza. In questi contesti, è opportuno sottolineare quanto il carattere femminile risulti più indicato di quello maschile ad affrontare problemi così gravi e delicati.

Come sottolineato, sono direttrici di marcia ben delineate e differenti da altre associazioni d’Area, ma per ovvie situazioni che a volte si creano, anche associazioni diverse devono talvolta collaborare ed interfacciarsi nell’interesse del nostro popolo e dei suoi settori più bisognosi di aiuto. Con il peggiorare della crisi sociale, questa collaborazione diventerà sempre più importante.

L’Associazione Evita Peron è già oggi l’organizzazione femminile più forte, numerosa e attiva dell’intera Area nazionale e popolare, nonché quella più delineata sul piano ideologico e strategico. Questo fatto da solo basta per dire che l’Evita Peron merita tutto l’impegno diretto delle donne e delle ragazze dell’Area, così come l’appoggio dall’esterno di dirigenti e militanti delle altre associazioni. Questo anche nell’ottica degli obiettivi prossimi venturi: a breve, infatti, inizierà l’organizzazione delle colonie estive per i bambini bisognosi per il 2017. Un ulteriore salto di qualità, un impegno notevole, ambizioso e politicamente caratterizzante.  

Infine, si deve sottolineare l’aspetto ideale e di esempio. In un mondo nel quale si nega la stessa identità sessuale naturale dell’uomo e della donna, si incitano le donne a farsi grottesche imitatrici degli uomini e si sostiene che chi donna non lo è lo possa in qualche modo diventare, un’organizzazione come l’Associazione Evita Peron testimonia coi fatti come le donne possono valorizzare tutta la loro natura femminile e, al tempo stesso, “essere esempio” e fare militanza di alto livello.

Per contattare l’Associazione Evita Peron: 340/0676456 – evitaperonass@gmail.com